RARITÀ DAL MONDO MAGICO: TUTTO SULL’AUTOGRAFO DI J. K. ROWLING

Gli autografi fake di J.K. Rowling

La vera sfida di ogni collezionista di autografi amante del mondo magico di Harry Potter è non solo quella di arrivare a possedere un autografo di J.K. Rowling o una copia firmata di uno dei libri della saga, ma quella di riuscire a reperirne di autentici.

Il problema dell’autenticità dell’autografo è infatti nel caso specifico di J.K. Rowling una questione molto spinosa e di ampia portata che è legata a due diversi fattori: il primo è la rarità dell’autografo stesso, il secondo è l’enorme quantità di falsi che ogni anno vengono prodotti e immessi sul mercato internazionale.

La rarità dell’autografo della scrittrice di Harry Potter è testimoniata dalla difficoltà in cui si ritrova ogni collezionista quando cerca di districarsi nella variegata selva autografale in cui si imbatte se prova autonomamente a capire e stabilire quale sia, tra i tanti proposti, il vero e autentico autografo di J.K. Rowling. In effetti l’autrice ha ammesso di essere restia a rilasciare autografi proprio in virtù dei prezzi da capogiro che questi raggiungono una volta immessi nel web. In questo modo il collezionista si trova spesso senza un campione di riferimento che lo possa guidare nel capire se quella a cui si trova davanti sia o meno la firma della propria beniamina.

Per provare a risolvere insieme questo problema, ecco di seguito alcuni campioni che testimoniano i mutamenti che la firma della Rowling ha subito negli anni:

I fan da varie parti del mondo si sono spesso lamentati di aver acquistato anche a cifre molto elevate – che non sono, come dimostrato, garanzia di autenticità – copie autografate che poi, in seguito a un esame più attento, si sono rivelate non autentiche.

L’autrice ha effettivamente più volte denunciato come il merchandise autografato di Harry Potter sia spesso oggetto di contraffazione e quindi di truffa ai danni di tutti gli appassionati e investitori disposti a spendere cifre anche più che ragguardevoli per aggiudicarsi un oggetto che sia effettivamente passato dalle mani della loro ideatrice.

Sui principali marketplace si trovano infatti decine, se non centinaia, di oggetti autografati che vengono venduti dai rivenditori con la pretesa di essere autentici. Si tratta invece di veri e propri fake, falsi, dai quali anche la stessa J.K. Rowling dalle pagine del suo sito internet ufficiale (https://www.jkrowling.com/) mette in guardia:

«Per quanto posso vedere, guardando le copie autografate del merchandise di Harry Potter, per ogni autografo autentico ce ne sono da sei a dieci falsi. Quindi sono qui adesso per consigliare ai fan di Harry Potter che sono in cerca di oggetti rari e/o autografati e di file audio digitali di acquistarli da rivenditori autorizzati e affidabili piuttosto che su e-Bay o qualsiasi altra casa d’asta simile. Sarei davvero felice se le comunità online di Harry Potter sollecitassero direttamente e-Bay per chiedere più protezione contro questo fenomeno».

Buona ricerca a tutti e se avete dubbi utilizzate il nostro servizio di quick response!


Matilde Gamannossi Degl’Innocenti